fbpx

Black Friday alle porte: un’occasione anche per l’alimentare online!

Black Friday alle porte: un'occasione anche per l'alimentare online!

Black Friday alle porte: un’occasione anche per l’alimentare online!

 

Il 26 novembre è il giorno degli sconti per antonomasia. E sebbene tech, elettronica (compresi i piccoli elettrodomestici) e abbigliamento la facciano da padrona, per il food&beverage ci sono grandi possibilità.

Anche perché, dopo la pandemia, gli italiani sono sempre più digitali nei loro acquisti. A partire da quelli alimentari

Dai dolci alle eccellenze gastronomiche e vinicole, da liquori e birre ad olio e confetture, dall’aceto balsamico ai panettoni. Insomma, per chi ha in mente di mettere sotto l’albero il classico cesto alimentare (in versione aggiornata), il mese di novembre (ormai da qualche anno diventato il mese degli sconti per antonomasia) è l’occasione giusta.

Non solo per gli acquirenti, ma anche per le aziende che, post-lockdown, passeranno all’incasso dell’accelerazione digitale a cui sono stati sottoposti i consumatori, e di cui loro sono state capaci di “approfittare”.

Gli italiani comprano soprattutto tecnologia, ma anche attrezzi da cucina

Secondo uno studio PwC (PricewaterhouseCoopers, azienda di ricerca e consulenza), il Black Friday coinvolgerà l’84% della popolazione italiana per uno scontrino medio che dovrebbe attestarsi a 235 euro (in aumento rispetto ai 157 euro del 2020). Le categorie più gettonate saranno elettronica e tech (metà del campione), seguono abbigliamento e accessori (41%), articoli per la casa (24%), salute e bellezza (20%) e libri (19%). Merita una nota particolare il tema degli articoli per la casa in cui compaiono anche gli strumenti da cucina: dalle friggitrici ad aria, alle impastatrici, dagli stampi per i dolci alle macchinette da caffè. A livello di canali di acquisto, l’online con la consegna a domicilio la farà da padrona (58%), ma anche i negozi fisici diranno la loro (31%) utilizzando, per esempio, il servizio di ritiro in store (scelto dall’8% del campione).

 

Un nuovo balzo in avanti per l’alimentare online?

Dinamiche che impattano sulla ripresa del settore agroalimentare italiano dove i modelli di consumo sono notevolmente cambiati. A partire proprio dal digitale e dal click&collect (ossia, compra online e ritira in negozio) che hanno già portato l’e-Commerce del largo consumo a una quota del 17% sulle modalità di acquisto dei beni alimentari. Il tutto per una spesa che, sempre secondo PwC, nel 2020 è cresciuta di 6 miliardi per un totale di 171 miliardi rispetto ai 165 messi a segno nel 2019. E con gli sconti in atto, perché non approfittarne?

 

Utenti sempre più multicanale, un’occasione per i brand

Insomma il settore alimentare, vera e propria eccellenza del Made in Italy, è coinvolto direttamente dal digitale. D’altronde, sono ormai 46,1 milioni i connazionali che acquistano in modalità multicanale (ossia tramite e-Commerce o comunque affidandosi al digitale nel proprio percorso d’acquisto). A rivelarlo è uno studio condotto dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Nielsen IQ. Il tutto per la felicità delle aziende produttrici. I canali digitali sono sempre più presenti in tutte le fasi del percorso di acquisto del consumatore, dalla scoperta del brand alla fase di “conversione”. Nell’ultimo anno il 69% degli utenti Internet è venuto a conoscenza di nuovi brand online e il 76% ha usato la rete per confrontare marche di prodotti o servizi che vorrebbe acquistare. Detto diversamente, il Black Friday può essere una vetrina per farsi notare sul mercato e dai consumatori.

«Sicuramente c’è tema di aspettative. I consumatori non vivono in compartimenti stagni, vivono in mondo fluido dove le esperienze maturate su alcune categorie influenzano anche le altre, quelle meno digitalizzate», afferma Stefano Cini, consumer intelligence director di Nielsen IQ. Chiaro che la differenza fra i diversi settori merceologici però rimane. «Faccio un esempio: per cambiare televisore posso aspettare l’occasione del Black Friday. Ma non possono attendere novembre per acquistare biscotti e shampoo», sintetizza Cini. Detto diversamente, per il largo consumo alimentare il Black Friday è un occasione per penetrare maggiormente il mercato, «testare la propria offerta digitale e cominciare a costruire relazione omnicanale». Anche perché di sconti, promozioni e ribassi ormai il largo consumo è pieno e sembra aver raggiunto il limite di sostenibilità per la filiera.

 

 

——————————————-

Iniziare a vendere i tuoi prodotti su ALEGIOSA.COM

• Accedi all’area cliente tramite questo link www.alegiosa.com/area-cliente
• Registrati come venditore e carica i tuoi prodotti!

 

 

 

Black Friday alle porte: un’occasione anche per l’alimentare online!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu